calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

lunedì 28 marzo 2011

UN SALUTO DA TOMASO

Ha appena chiamato Tomaso, mi ha detto che sta bene, che la vacanza procede a gonfie vele e mi ha pregato d'inoltrarvi i suoi più affettuosi saluti. Nigel
P.S. Con l'occasione, segnalo il seguente post: www.langolo-del-sorriso.blogspot.com/2011/03/lasciati-amare.html

mercoledì 23 marzo 2011

MI STO PREPARANDO PER LA NUOVA VACANZA

Carissimi tutti/e vi annuncio che sabato prossimo mancherò per una settimana, andrò a visitare la Puglia, sarà quella bambina! che ora è mamma ad accompagnarci, prima di partire preparerò un lungo post per farvi compagnia durante la mia assenza.
Tomaso

venerdì 18 marzo 2011

SONO RITORNATO

Carissimi eccomi di nuovo qui da voi, questi giorni che sono stato a Verona non è stato  molto bello abbiamo dovuto restare sempre in casa il vento e la piaggia non è mai quasi cessato, nonostante questo martedì siamo andati a Marmorta in provincia di Bologna per trovare la mia sorella suora, qualcuno se la ricorderà nei post che avevo fatto nel passato.
Quest'anno fa 87 anni e nonostante che è stata molto ammalata lo ho trovata abbastanza bene.
Queste foto ricordo sono state fatte nel 2004 in occasione del suo 50° di consacrazione  nel convento, di casa madre a Ravenna.
Per coloro che non hanno letto i vecchio miei post, in breve le vecchie foto.
Questa foto sottostante è del 1939, la suora è quella con il vestito a fiori.

Questa sopprastante è al mio matrimonio 1957
Questa sottostante, una visita alla sorella con i due bambini e il marito, 1956
Questa, il suo primo anno di noviziato
La sua vita la ha fatta sempre negli asili delle parrocchie in Emilia Romagna,  ora si trova esattamente a Marmorta, in questo paese è già da oltre 30 anni.
 le  tre suore che festeggiano il 50°
 la consegna dei confetti doro



Un abbraccio a tutti.
Tomaso

sabato 12 marzo 2011

LA COLLINA

Testo, voce e montaggio di A. M. (Nigel Davemport) Musica di John Barry, tratta dal film "Balla coi Lupi"


giovedì 10 marzo 2011

PER FARVI PASSARE IL TEMPO QUANDO SARO' IN VIAGGIO

Carissimi tutti-e,



dal 12 marzo fino al 18 marzo non ci sarò, io e la mia dolce metà andremo a Verona per fare una visita alla sorella della Danila; per non lasciarvi soli vi lascio questa storia fantasiosa del Faro quando esso esisteva, è un racconto molto strano, credo che vi divertirete leggendolo, buon divertimento.



Un buon a risentirci al mio ritorno, Tomaso.


P.S.

FORSE IL GUARDIANO SI FARÀ VIVO, NEL FRATEMPO GLI HO DATO L'AUTORIZZAZIONE A PUBBLICARE DEI POST PERSONALI... SPERO TANTO CHE LO FACCIA






Molti di voi si chiederanno com' è nato questo magico edificio chiamato “il Faro”. Tutto ebbe inizio da un uomo chiamato “il viaggiatore dei sogni” che in uno dei suoi viaggi si imbattè in un altro personaggio molto singolare. Quest’ultimo era un marinaio naufragato sulla spiaggia di Arotena, esiliato dalla sua terra per aver corteggiato la principessa del posto. Si, questo marinaio fu esiliato per amore, così decise di partire cercando una nuova terra dove cambiare nome e vita.
Il viaggiatore dei sogni un bel giorno d’inverno si ritrovò in una landa desolata, algida e poco ospitale. Vi era una spiaggia, che formava un lungo confine tra mare e cielo. Un promontorio faceva da virgola a questa lunga striscia di terra. Vide in lontananza una figura particolare, che riversa sulla pancia non faceva intravedere buoni presagi. Il nostro viaggiatore si precipitò verso l’uomo ma con suo grande sollievo costui era solo svenuto, molto probabilmente dal freddo.
Il viaggiatore dei sogni accese un fuoco e con un tripode scaldò dell’acqua, abbondante in quella radura, e gettò dentro qualche chicco di caffè per creare una parvenza di bevanda riscaldante. L’uomo riuscì tuttavia a risvegliarsi senza l’aiuto della bevanda; costui dopo essersi alzato e presentato assaggiò con voracità il liquido caldo. I due si misero a parlare, e raccontarono le loro rispettive vicende.
Il viaggiatore dei sogni si commosse per la situazione del marinaio e decise di aiutarlo.
Propose di cercare una terra dove fermarsi e ricominciare a vivere una vita dignitosa. L’uomo, che in realtà si chiamava Hanton Kock, doveva fuggire e cambiare identità. “Nessuno deve sapere che Hanton Kokc è vivo!” diceva sempre il marinaio, ed allora il viaggiatore dei sogni decise anch'egli di fermarsi per dare un senso ai propri viaggi.
Il viaggiatore ebbe un pensiero particolare: prima di giungere in quel luogo, molte locande descrivevano questo posto come isolato e meta di mille naufragi, ed allora perché non aprire una locanda qui in questo posto magico? Il marinaio rimase sulle sue e poi uscì con una proposta particolare:” Una locanda dici?…
ma perché, oltre alla locanda, non estendere la cosa facendola diventare un faro? Hai detto tu che vi sono anche molti naufragi.”
Il viaggiatore pensò un attimo e disse:
“Caspita! Hai ragione! Possiamo fare una cosa del genere, tu che sei marinaio ti occuperai del faro, mentre io mi occuperò della locanda e daremo ristoro a tutti quelli che lo chiederanno! Si, mi piace!”
Dopo quelle parole, finito il giorno e dopo una serena notte passata nella tenda che il viaggiatore aveva sempre con sé, iniziarono i lavori per costruire il faro.
Passarono giorni e poi mesi, venne il bel tempo le piogge e ancora il freddo, ma giorno dopo giorno il faro diventava sempre più bello ed accogliente.
I due amici lavorarono sodo, stando spesso senza mangiare per giorni, ma alla fine il Faro si inaugurò.
Felici e contenti i due amici decisero di mutare i loro nomi. Si, miei cari amici, il marinaio decise di chiamarsi “Nigel Davemport”, mentre il viaggiatore dei sogni scelse il nome di “Marck Leys.”





Il Faro era ancora scarno, vi erano solo quattro sedie di legno intarsiate da me e due tavoli che Nigel aveva ricavato da due barche arenate sulla spiaggia vicina. Il problema dei viveri non era di poco conto; a parte la pesca e i frutti della natura non riuscivamo a far nulla; eravamo ancora incapaci di coltivare un giardino o qualche cosa di similare. Notammo che il terreno circostante al Faro era fertile, e così provammo a seminare dei chicchi di grano, ma con poca speranza. La sorpresa fu immensa quando vedemmo i primi germogli nascere.
Sì amici, proprio i germogli che ci permettono di fare ora quel magnifico pane che piace tanto a Esmeralda!
Erano giorni difficili, la solitudine era grande, ma un giorno successe un fattore strano, che però ci portò nuova linfa. Una notte sentimmo bussare alla nostra porta con molto vigore, urlando:”aprite! Aprite! Per la carità aprite!”.
Io mezzo assonnato e Nigel con lo schioppetto in mano aprimmo a quella voce implorante. Vedemmo una figura nera che ci implorava di entrare dissi a Nigel sotto voce:”io lo faccio entrare ma tu tienilo sotto controllo non si sa mai.”
Nigel con un gesto della testa annuì e facemmo accomodare quella figura scura e misteriosa. Aprì la lanterna che scacciò il mistero da quel volto. Dietro al tabarro ed il cappello nero vi era un viso con il sorriso tranquillizzante ma con lo sguardo terrorizzato.
“Io mi chiamo Tomaso, diciamo così, e mi stanno inseguendo perché accusato di aver rubato in casa del conte Periels! Vi prego aiutatemi!”
La prima cosa che facemmo sia io che Nigel fu di spegnere la lanterna, e nascondere quell’uomo in cerca di protezione. Lo chiudemmo in una nicchia vicino alla lanterna dove vi era una branda ed una scrivania, sulla quale Nigel aveva i suoi scritti ed io i miei progetti. Fu quella notte che capii che Nigel non era soltanto un marinaio, ma anche un grande scrittore.
Avendo ancora timore di quel figuro appena arrivato, per tranquillità lo rinchiudemmo a chiave; prudenza inutile con il senno di poi, tuttavia allora non aveva la nostra fiducia.
Poco dopo i gendarmi e gli scagnozzi del Conte bussarono alla porta del faro per scovare la loro preda.








“Aprite! Altrimenti sfondiamo la porta!” Questa frase che ormai dicevano abitualmente gli scagnozzi del Conte, battezzò la mia conoscenza degli uomini dello stesso.
“Stiamo cercando un pericoloso malvivente che ha attentato alla vita del nostro amato Conte, e pertanto dobbiamo prenderlo e se è il caso anche ucciderlo!”
Io chiesi chi fosse questo misterioso personaggio, il capo dopo qualche tentennamento confessò che il ricercato era il Duca Gualtiero Stalloni del ducato di Tomasonia.
Noi facemmo entrare senza alcun problema quegli uomini che perquisirono tutti i più piccoli meandri del Faro, trascurando però proprio quella stanza così nascosta e criptata da non poter nemmeno essere riconosciuta da occhi esperti come quelli degli uomini del Conte.
L’incursione purtroppo ci costò molto denaro poiché dovemmo pagare una sostanziosa mancia per non far più disturbo al nostro Faro. Dopo questo evento prendemmo la decisione di fare di quella piccola penisola un posto invalicabile, facendo eccezione soltanto per coloro che avessero chiesto aiuto e ristoro. Tomaso ci raccontò che il Conte aveva attaccato ed invaso il suo territorio, poiché le miniere d’argento e di rame avevano sempre fatto gola al malefico nobile. “Io,” disse Tom, “non ho attentato nulla, ho solo le prove con me che il conte ha provato a costruire un’arma micidiale per avere tutto il potere per sé.”

Io e Nigel rimanemmo sgomenti, si noi ormai fuori dal mondo da alcuni anni non avemmo modo di avere notizie e null’altro. Tom ci chiese aiuto, ma noi ancora dubbiosi mettemmo alla prova il povero Duca. Lasciammo dei soldi per terra facendo finta che Nigel li aveva persi. Bèh amici, il duca si rivelò un vero nobile, consegnandoci tutto il denaro fatto cadere a bella posta. Da quel giorno ribattezzammo il duca come Tomaso, gli tagliammo la barba e iniziò la nostra avventura assieme a lui.
Tomaso ci aiutò a costruire il canale per separare il Faro dalla spiaggia, dopodiché riuscimmo a costruire pure un piccolo ponte levatoio che voi tutti conoscete bene. L'uomo si rivelò anche un bravo infermiere, infatti mentre Nigel sistemava l’anta di una finestra scivolò dalla scaletta e si slogò un ginocchio. Tom riusciì a creare con le erbe del vicino bosco degli unguenti meravigliosi che rimisero Nigel, il Guardiano del Faro, in piena forma.
Una sera dopo molti mesi da questo fatto, bussò al nostro faro una dama, misteriosa. Non ci disse il suo nome e tutt’ora non sappiamo chi ella fosse, ma l’accogliemmo con il suo alone di magia, che diede al nostro Faro un tocco di mistero. Si trattava di Lady Ayla; disse che così dovevamo chiamarla semplicemente perché il suo passato era stato drammatico e tumultuoso. Ancora oggi lei si prende cura del nostro orto e ci regala dei momenti indimenticabili.
Il conte molto probabilmente iniziò a fare terra bruciata attorno a noi, e anche la pianura davanti al Faro risentì questo clima. Una notte vi fu un'incursione dell'armata del conte contro una carrozza che passava li accanto. Gli uomini del Conte assalirono la carrozza con dentro una fanciulla in fuga. Una sera Nigel ci chiamò sulla lanterna e vedemmo tutto. La carrozza venne assalita con l’uccisione del cocchiere e la cattura della donna. Lady Ayla parve che conoscesse la donna, tuttavia il suo sguardo non fece trapelare nulla.
La donna catturata cercava timidamente con le sue esili forze di svincolarsi dai bruti,finendo da li a poco ad essere prevaricata da quei bruti energumeni.

All'improvviso una figura su di un cavallo fece la sua apparizione e con un gesto fulmineo riuscì a liberare la donna prendendola sul proprio cavallo, però ahimè uno di quei energumeni colpì al fianco il misterioso cavaliere, il quale riuscì a fuggire con la donna, grazie al suo cavallo che istintivamente si precipitò verso l’unica luce di quella notte, quella appunto del Faro.
Tempestivamente Tom riuscì a tirare giù il ponte, ed a respingere gli uomini del conte i quali cercarono di superare il fossato, ma due tiri di fucile messi a segno da Nigel fecero desistere gli uomini del conte.
Accogliemmo la donna ed il cavaliere che però giunse a noi svenuto per il colpo subito. La donna si rivelò una principessa che fuggiva dal suo regno. Si presentò come Zuntian principessa del regno di Bodaron; subito a lady Ayla scappò un nome: ”Cinzia!” ma subito si chiuse la bocca. Mettemmo il cavaliere impavido in un letto comodo e Tom iniziò a curarlo già da quella notte.
Ci alternavamo nell’accudire il cavaliere e la principessa, la quale si rimise subito in sesto senza dar cenno di aver passato la brutta avventura di giorni prima; la nostra preoccupazione era per il cavaliere che non si svegliava e non accennava a fare nessuna reazione.


Storia del Faro parte 4



Era già da un mese che sussisteva il sonno del misterioso cavaliere, quando un giorno, per caso, giunse al Faro una splendida fanciulla perduta nelle vaste pianure attorno al nostro rifugio.
Ci raccontò di essere un’alchimista e di poter curare ogni male con la scienza. Lei si presentò come Esmeralda ed ecco che venne a illuminare il nostro rifugio un’ennesima stella. Esmeralda raccontò la sua storia, ma non sarò io a farlo ora poiché tutti noi la conosciamo già. Le parlammo della nostra preoccupazione per il misterioso cavaliere. Lei con un sorriso dolcissimo disse:”Amici ci penso io!”; ciò detto questo uscì dal Faro, non prima di aver chiesto in prestito una barca.
Tornò dopo due giorni e magicamente, con varie pietre raccolte forse nel mare, preparò una polvere con un forte odore penetrante. Preso un pizzico di quell' intruglio nauseabondo lo sparse sulla fronte e sotto il naso del cavaliere. Dopo qualche attimo il cavaliere iniziò a tossire ed avere sussulti e spasmi. Furono attimi di ansia, ma con nostra immensa sorpresa riuscì a svegliarsi e si sedette al bordo del letto.
Allora io avanzai e dissi:”Buon giorno misterioso cavaliere, mi chiamo Marck Leys e sono il maitre di questo luogo che abbiamo battezzato il Faro.”

Quindi presentai tutti gli altri e gli indicare Esmeralda, la sua salvatrice. Chiesi subito chi fosse lui, che, con molta gentilezza, rispose:”Mi chiamo Ildebrando Stezzotti Fantini, cavaliere dell’ordine del mestolo, e lavoro o meglio lavoravo per il conte, il quale mi espulse dalla sua contea poiché io scoprì i suoi loschi disegni di potere, tuttavia mi ha risparmiato la vita gettando dell’infamia su di me.”

Si portò una mano alla testa e disse:”L’ultima cosa che ricordo è di aver salvato una dama in difficoltà.” A quelle parole la principessa sorrise ringraziandolo di cuore. Il cavaliere, notando che la fanciulla era in ottima forza, si risollevò temendo, evidentemente di non aver portato in salvo quella dolce fanciulla. Raccontammo tutto ciò che successe in seguito e lo ribattezzammo: Mestolo & Paiolo; ma il suo nome vero era Stefano.
Così un altro eroe si unì al nostro Faro. Stefano si rivelò un ottimo collaboratore; grazie a lui riuscimmo a ristrutturare l'isolotto ed a scoprire qualche cosa in più su lui e la propria vita. In quel periodo si aggiunse a noi anche un altro personaggio, ma di questo vi parlerò la prossima volta.
Mestolo & Paiolo ci aiutò a creare un controllo più dettagliato per chi passava dal Faro; egli si rivelò anche un ottimo cuoco intanto scoprimmo anche la vera storia di Lady Ayla, la quale rivelò una voce angelica e soavemente coinvolgente.

Il nostro rifugio lentamente si andava a popolare. Un giorno però, notammo una dama in lacrime accanto all’ingresso del ponte levatoio, rimase li per ore senza far nulla. Chi era quella fanciulla?


racconto incompiuto



SCRITTO DA MARK LEYS, IL VIAGGIATORE DEI SOGNI



martedì 8 marzo 2011

UNA POESIA DELL'AMICO NIGEL DAVEMPORT - IL GUARDIANO DEL FARO

...
Eres todo Ahora eres en mi sangre, en las venas y en la piel. Eres el viento que me roza, y el mar que me mece (cantándome una nenia). Eres el sol y la luna y la sombra de la tarde. Eres cielo y tierra, éxtasis y dolor. Eres la musa de mi poesía, y, en cuanto tal, icono etéreo, y vestal de un sueño, pero también carne, deseo y pasión ardiente. Eres todo tu, todo, como el amor verdadero. Nigel Davemport * * * T R A D U Z I O N E
Sei tutto Ormai sei nel mio sangue, nelle vene e sulla pelle. Sei il vento che mi sfiora e il mare che mi culla, (cantandomi una nenia). Sei il sole e la luna e l'ombra della sera. Sei cielo e terra, estasi e dolore. Sei musa dei miei versi, e, come tale, icona eterea e vestale di un sogno, ma pure carne, desiderio ed ardente passione. Sei tutto tu, tutto, come l'amore vero. Nigel Davemport

lunedì 7 marzo 2011

TANTO PER DIMENTICARE IL FREDDO, ECCO COSA VI VOGLIO FAR SENTIRE. CHE LA PRIMAVERA ARRIVERA, ABBIATE PAZIENZA

Carissimi tutte/i vedendo che stiamo affrontando il ritorno dell'inverno, vi voglio far sognare con questa canzone, cantata dalla regina della canzone italiana.
Buona notte a tutti/e.
Tomaso


sabato 5 marzo 2011

HO VOLUTO ANTICIPARE. 8 MARZO LA FESTA DELLA DONNA PER DONARE ATUTTI UN PREMIO

Carissime per l'otto marzo ho voluto creare per voi tutte questo mio premio, in foto, lo dono a voi con tutto il cuore,
potete scegliere il primo oppure questo qui sotto
per finire se vi piace c è pure questo in forma HTML
non vi sarà difficile scegliere.
con affetto. 
Tomaso

venerdì 4 marzo 2011

PREMIO PER TUTTI

Carissime amiche e amici, ho ricevuto questi graditi premi da Stella e da Ele,
io li faccio circolare per tutti voi, certe regole io direi di escludere, il perché altrimenti ci vuole una secretaria per amministrare tutti, nel mio blog dei premi ci sono tutti, li posso sempre guardare e apprezzare da chi meli ha donati. VI voglio dare un saluto dal Guardiano che si trova a Modena a fare visita a suo figlio, per qualche giorno.
Un acaloroso saluto a tutti/e.
Tomaso



mercoledì 2 marzo 2011

UNA POESIA SUL MESE DI MARZO

Marzo bello -A. Beltramelli

Ecco ecco che è arrivato marzo bello!
Le viole in mezzo al prato
escono fuori con l'ombrello.
Oh, bel marzo! Oh, marzicello!
Ti salutano le viole,
che si vestono modeste
e stan sempre sole sole
tra le fratte e le foreste.
Forse un merlo poco saggio
sogna già d'essere in maggio
e si gela una zampina fra la brina.
Ma la cincia nel suo nido
ride e dice: «Non mi fido!
Presto è ancor! La messaggiera bianca e nera
non è già sotto la gronda,
e chi ha freddo si nasconda:
non è ancora primavera ».
Chiotto chiotto le risponde un passerotto:
«Tu sei saggia e veritiera!
Marzo è bello,
ma coi guanti e con l'ombrello,
col soprabito e il cappello,
poiché porta il vento e il fiore,
e la pioggia e il raffreddore ».
Buona giornata care amiche e amici, questa mattina passeggiando un vento gelido mi spinto a pubblicare questa poesia... Buona giornata a tutti/e.
Tomaso